Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

FAQ

 

FAQ

1) Quanto costa e quanto dura il passaporto italiano?

Il passaporto costa 116 euro e l’equivalente in reais brasiliani varia ogni trimestre sulla base del tasso di cambio. I valori in vigore sono attualizzati nella sezione “tariffe consolari” del sito. Il passaporto dura dieci anni. Per maggiori informazioni, guarda la nostra sezione Passaporti.

 

2) Il sistema “prenota On Line” è a pagamento?

No, il sistema prenota online è completamente gratuito. Chiunque vi chieda denaro in cambio della prenotazione sta commettendo un illecito ed è passibile di sanzioni penali ed amministrative. Qualora qualcuno vi chiedesse denaro in cambio della prenotazione, vi invitiamo a segnalarcelo per iscritto.

 

3) Quanto tempo ci vuole per ottenere la cittadinanza italiana?

Dalla consegna dei documenti al Consolato, ci vogliono 730 giorni come prescritto per legge.

 

4) L’iscrizione all’AIRE è obbligatoria?

Sì, l’iscrizione all’AIRE (l’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) è un obbligo di legge (n. 470/1988) per tutti i cittadini italiani arrivati all’estero da più di tre mesi (90 giorni) e che abbiano l’intenzione di restarci per oltre un anno. Con l’iscrizione all’AIRE, potrete esercitare tutti i vostri diritti e doveri di cittadinanza, dal voto alla registrazione dei più importanti avvenimenti della vostra vita civile. L’AIRE è gestita dai Comuni italiani e dal Ministero dell’Interno sulla base dei dati e delle informazioni provenienti dalle Rappresentanze consolari all’estero. L'iscrizione all’AIRE è gratuita, viene notificata direttamente dal Comune (non dal Consolato) al/la cittadino/a e comporta la cancellazione dalla residenza dal territorio della Repubblica (A.P.R. - Anagrafe della Popolazione Residente).

 

5) Per l’atto di assenso/consenso deve essere presente anche l’altro genitore?

Sì, se l’altro genitore non è cittadino/a italiano/a o europeo/a. In questo caso, infatti, la firma all’atto di assenso/consenso andrà apposta davanti al nostro personale o in presenza di un Pubblico Ufficiale, italiano o brasiliano, oppure presso un Cartorio, del quale dovremo ricevere in precedenza il Sinal Publico. In caso di cittadino/a italiano/a o europeo/a, vale l’autocertificazione.

 

6) Posso fare in Consolato la carta d’identità?

No, si tratta di competenza esclusiva dei Comuni in Italia. Soltanto i Consolati italiani che si trovino all’interno dell’Unione europea possono emettere carte d’identità.


76