Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Nuova disciplina d´ingresso stranieri in Brasile

Data:

15/09/2022


Nuova disciplina d´ingresso stranieri in Brasile

É stata pubblicata la nuova Ordinanza interministeriale n. 678, con cui la Presidenza della Repubblica ha introdotto alcune modifiche alle restrizioni all'ingresso di cittadini stranieri in Brasile.

La principale modifica riguarda la possibilitá per il viaggiatore che desidera entrare in Brasile via aerea o via terra di presentare il risultato negativo di un test Covid-19 antigeno o molecolare (RT-PCR), realizzato un giorno prima dell'imbarco, in luogo del certificato di vaccinazione. Tale disposizione semplifica la precedente normativa, consentendo a qualsiasi viaggiatore di rispettare uno dei due requisiti necessari (in precedenza solo alcune categorie di persone non vaccinate potevano entrare in Brasile dietro presentazione del test).

La nuova disciplina prevista dalla Portaria n. 678 del 12 settembre u.s. é la seguente:

Quale regola generale per l'ingresso in Brasile per via aerea o terrestre i cittadini brasiliani o stranieri maggiori di 12 anni devono presentare:

- un certificato di vaccinazione completa contro il Covid-19, in formato cartaceo o elettronico ed in lingua portoghese, spagnola o inglese, contenente il nome del viaggiatore, il nome commerciale o il nome del produttore del vaccino, il numero di lotto della dose o delle dosi applicate e la data di somministrazione. Sono validi solo i vaccini approvati dall'ANVISA, dall'Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) o dall'Autorita' del Paese dove il viaggiatore e' stato vaccinato. La somministrazione della dose unica o dell'ultima dose dello schema vaccinale deve essere stata effettuata almeno 14 giorni prima della data dell'imbarco;

o, in alternativa:

- la prova della realizzazione, un giorno prima dell'imbarco, di un test Covid-19 di tipo antigeno o molecolare (RT-PCR), con risultato negativo, effettuato presso un laboratorio riconosciuto dalla autorita' sanitarie del Paese di origine.

Non sono accettati attestati di guarigione dal Covid-19 in luogo del certificato di vaccinazione o del test.

L'entrata sul territorio brasiliano di viaggiatori che hanno contratto il Covid-19 nei 90 giorni precedenti l'ingresso, contati a partire dalla data di inizio dei sintomi, che sono asintomatici e persistono nel presentare un test Covid-19 antigeno o molecolare (RT-PCR) positivo, possono fare ingresso presentando la seguente documentazione:

i) due risultati di test RT-PCR positivo, con intervallo minimo di quattordici giorni, essendo l'ultimo realizzato fino ad un giorno prima del momento dell'imbarco o ingresso in Brasile;

ii) attestato medico, con firma del medico responsabile, in cui si dichiara che l'individuo e' asintomatico e atto a viaggiare, indicando la data del viaggio.

I minori di 12 anni sono esentati dal presentare una prova di vaccinazione o un test Covid-19, cosí come i lavoratori nel settore cargo, l'equipaggio delle aeronavi e altre categorie specifiche di persone (frontalieri di cittá gemelle, persone in situazione di vulnerabilitá legate a crisi umanitarie).

La nuova ordinanza non ha alterato le disposizioni riguardanti l'accesso per via marittima. Per maggiori informazioni si invita a consultare le pagine web seguenti:

- navi da crociera: https://www.gov.br/anvisa/pt-br/assuntos/paf/coronavirus/navios-de-cruzeiro/protocolos-sanitarios

- navi cargo: https://www.in.gov.br/en/web/dou/-/resolucao-de-diretoria-colegiada-rdc-n-584-de-8-de-dezembro-de-2021-36602627

La nuova "Portaria" revoca l'Ordinanza Interministeriale n. 670 del 1 aprile u.s. e non ha termine di validitá, dovendosi dunque considerare vigente fino a diverse disposizioni.


1430