Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Stato Civile

 

Stato Civile

Tutti gli atti di stato civile dovranno essere inviati ESCLUSIVAMENTE via posta (ordinaria, raccomandata o “Sedex” a scelta del richiedente). Sulla busta dovrà figurare la destinazione:

C.A. STATO CIVILE
Consolato d’Italia in Belo Horizonte
Rua Alagoas, 721. Savassi
Belo Horizonte (MG). CEP: 30130-165

Una volta trasmessa via posta la documentazione di Stato Civile, si prega di attendere il termine legale di 180 giorni, dopo il quale l'interessato potrà verificare l'avvenuto aggiornamento, visualizzando la propria scheda personale direttamente sul portale FAST IT (clicca qui). Pertanto, una volta verificato nel Portale FAST IT l’avvenuto aggiornamento dei dati anagrafici, l’interessato potrà richiedere la conferma dell’avvenuta trascrizione degli atti DIRETTAMENTE al Comune competente.

Per i cittadini residenti in Italia, il settore di Stato Civile provvede unicamente ad inviare i certificati al Comune di residenza del connazionale, senza ulteriori adempimenti.

ATTENZIONE: informiamo che le richieste di trascrizione di atti vengono trasmesse al Comune AIRE in base ai tempi tecnici di lavorazione del Settore di Stato Civile del Consolato e seguono un ordine cronologico di arrivo.

I certificati originali di stato civile e atti di divorzio NON vengono restituiti agli interessati.

Contatto: registrocivil.belohorizonte@esteri.it
Questo Consolato risponderà soltanto a e-mail riguardanti questioni che non si trovano già illustrate sul sito.


I cittadini italiani hanno l’obbligo di comunicare al Consolato ogni variazione relativa allo stato civile, la nascita di figli, il decesso di eventuali parenti prossimi e le variazioni anagrafiche (indirizzo, e-mail, telefono etc.)

Certificati / Atti stranieri: gli atti emessi da Paesi terzi dovranno essere legalizzati dal Ministero degli Affari Esteri del paese in questione mediante l’apposizione della “Apostille” (se il Paese risulta essere firmatario della Convenzione dell’Aja) oppure legalizzato dall’autorità consolare italiana competente. Gli atti, muniti di “Apostille” (o legalizzati dall’autorità italiana competente), dovranno essere tradotti in italiano, e la traduzione dovrà essere apostillata nel Paese in cui è stato rilasciato l’atto oppure legalizzata dall’autorità consolare italiana del Paese in cui è stato rilasciato l’atto. Si consiglia comunque di consultare sempre il sito del Consolato d’Italia del Paese in cui è stato formato il documento.
Questo Consolato non potrà accettare certificazioni brasiliane emesse a partire da certificazioni di Paesi terzi (ovvero, trascrizioni).

I certificati rilasciati dagli Stati firmatari della Convenzione di Vienna dell’8 settembre 1976, relativa al rilascio di estratti plurilingue di atti di stato civile, sono esenti da legalizzazione / “Apostille” e traduzione. Gli stati aderenti sono: Austria, Belgio, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Capo Verde, Croazia, Estonia, Francia, Germania, Italia, Lituania, Lussemburgo, Macedonia del Nord, Moldova, Montenegro, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Serbia, Slovenia, Spagna, Svizzera e Turchia.

COME FARE PER:

 

• Trascrivere la nascita di figli minori di 18 anni
Inviare PER POSTA, all’attenzione dell’Ufficio Stato Civile, i seguenti documenti:

1) Modulo di richiesta di trascrizione dell’atto di nascita firmato da entrambi i genitori – clicca qui;
2) Certificato di nascita INTEIRO TEOR rilasciato dall’Ufficio dello Stato Civile brasiliano (cartório de registro civil brasileiro) in originale, recente (emesso da meno di un anno) e apostillato dall’autorità brasiliana competente;
3) Traduzione del certificato di nascita in lingua italiana effettuata da un traduttore ufficiale - clicca qui – e apostillata dall’autorità brasiliana competente;
4) Copia di una prova di residenza del genitore italiano;
5) Copia del documento di identità dei genitori.

ATTENZIONE: in caso di figli nati fuori dal matrimonio, oltre alla documentazione succitata, è necessario presentare anche un atto notarile brasiliano in originale ("declaração pública de reconhecimento de maternidade/paternidade") sottoscritto da entrambi i genitori, munito di Aspotille con la relativa traduzione ufficiale, anch'essa munita di Apostille. Se il figlio è MAGGIORE di 14 anni, lo stesso deve essere presente al momento della stesura dell’atto per dare il proprio consenso al riconoscimento paterno/materno (vedi modulo di riconoscimento di paternità/maternità di figlio MAGGIORE di 14 anni)

• Sentenze di adozione di figli minori stranieri:
Inviare PER POSTA, all’attenzione dell’Ufficio Stato Civile, i seguenti documenti:
1) Modulo di richiesta trasmissione della sentenza di adozione al Tribunale dei Minori in Italia firmato da entrambi i genitori – clicca qui;
2) Dichiarazione sostitutiva dell´atto di notorietà – clicca qui;
3) Copia della sentenza di adozione passata in giudicato, munita di timbro da parte del Foro competente di copia conforme all’originale, apostillata dall’autorità brasiliana competente (la sentenza di adozione pronunciata all’estero non è automaticamente considerata valida in Italia);
4) Certificato di nascita INTEIRO TEOR rilasciato dall’Ufficio dello Stato Civile brasiliano (cartório de registro civil brasileiro) in originale, recente (emesso da meno di un anno) e apostillato dall’autorità brasiliana competente;
5) Traduzione in lingua italiana dei documenti di cui ai punti 3 e 4 effettuata da un traduttore ufficiale e apostillata dall’autorità brasiliana competente;
6) Copia del documento d’identità in corso di validità dei due genitori.


• Trascrivere il matrimonio e l'unione civile

Inviare PER POSTA, all’attenzione dell’Ufficio Stato Civile, i seguenti documenti:

1) Modulo di richiesta di trascrizione dell’atto di matrimonio – clicca qui;
2) Certificato di matrimonio INTEIRO TEOR rilasciato dall’Ufficio dello Stato Civile brasiliano (cartório de registro civil brasileiro) in originale, recente (emesso da meno di un anno) e apostillato dall’autorità brasiliana competente;
3) Traduzione del certificato di matrimonio in lingua italiana effettuata da un traduttore ufficiale - clicca qui – e apostillata dall’autorità brasiliana competente;
4) Copia di una prova di residenza e di un documento di identità dei coniugi.

Unione civile: in osservanza della legge n. 76/2016 e del DPCM n. 144/2016, è DOVERE del cittadino italiano che abbia contrato matrimonio con persona dello stesso sesso all’estero presentare al Consolato di competenza territoriale la documentazione sopra
indicata per la trascrizione in Italia. I documenti saranno trascritti, secondo la legge italiana, nel Registro provvisorio delle Unioni Civili di ogni Comune. I documenti e certificati nei quali è prevista l’indicazione dello stato civile, su richiesta dell’interessato, verrà indicato unito/a civilmente (art.7, comma 2, DPCM 144/2016).

 

• Trascrivere un decesso
Inviare PER POSTA, all’attenzione dell’Ufficio Stato Civile, i seguenti documenti:

1) Modulo di richiesta di trascrizione dell’atto di morte - clicca qui;
2) Certificato di morte rilasciato dall’Ufficio dello Stato Civile brasiliano (cartório de registro civil brasileiro) in originale e apostillato dall’autorità brasiliana competente;
3) traduzione del certificato di morte in lingua italiana effettuata da un traduttore ufficiale - clicca qui – e apostillata dall’autorità brasiliana competente.

• Trascrivere un divorzio
Inviare PER POSTA, all’attenzione dell’Ufficio Stato Civile, i seguenti documenti:

1) Modulo di richiesta di trascrizione del divorzio – clicca qui;
2) Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà – clicca qui;
3) Sentenza del divorzio passata in giudicato, munita di timbro da parte del Foro competente di copia conforme all’originale e della sigla del Potere Giudiziario o del Funzionario della Cancelleria, apostillata dall’autorità brasiliana competente;
Nota bene: le sentenze di separazione non sono riconosciute dalla normativa italiana.
4) Certificato di matrimonio INTEIRO TEOR rilasciato dall’Ufficio dello Stato Civile brasiliano (cartório de registro civil brasileiro) in originale, recente (emesso da meno di un anno), con l’annotazione della sentenza di divorzio passata in giudicato eapostillato dall’autorità brasiliana competente;
5) Traduzione in lingua italiana dei documenti di cui ai punti 3 e 4 effettuata da un traduttore ufficiale - clicca qui – e apostillata dall’autorità brasiliana competente;
6) Copia di una prova di residenza e del documento di identità del richiedente.

In caso di divorzio per via amministrativa (legge brasiliana nº 11.441, del 4/1/2007), l’interessato dovrà inviare:
1) Modulo di richiesta di trascrizione del divorzio – clicca qui;
2) Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà – clicca qui;
3) Certificato originale di divorzio apostillato dall’autorità brasiliana competente;
4) Certificato di matrimonio INTEIRO TEOR rilasciato dall’Ufficio dello Stato Civile brasiliano (cartório de registro civil brasileiro) in originale, recente (emesso da meno di un anno), con l’annotazione del divorzio e apostillato dall’autorità brasiliana competente;
5) Traduzione in lingua italiana dei documenti di cui ai punti 3 e 4 effettuata da un traduttore ufficiale - clicca qui – e apostillata dall’autorità brasiliana competente;
6) Copia di una prova di residenza e del documento di identità del richiedente.

 

DOMANDE E RISPOSTE (FAQ)

1. Devo tradurre il mio atto di matrimonio. Posso rivolgermi ai traduttori ufficiali di un altro Stato brasiliano?
La traduzione può essere eseguita da qualsiasi traduttore ufficiale regolarmente iscritto presso la “Junta Comercial” di qualsiasi Stato brasiliano.

2. Per richiedere la trascrizione dell’atto di morte di mio nonno, il certificato deve essere integrale?
Per l’Ufficio Stato Civile, solo l’atto di morte non deve essere integrale.

3. Sono italiana e desidero sposarmi in Brasile con un cittadino brasiliano. Di quali documenti ho bisogno?
In questo caso, il “Cartório de Registro Civil” dove il matrimonio verrà celebrato è l’organo competente per fornire l’elenco della documentazione necessaria.

4. Quanto costano i servizi di trascrizione erogati dall'Ufficio Stato Civile?
Le trascrizioni di atti di stato civile sono gratuite.

5. Quali sono i tempi necessari per la trascrizione di atti di stato civile?
Gli atti di stato civile rilasciati dalla locale autorità, tradotti e muniti di “Apostille”, verranno trasmessi via PEC dal Consolato al Comune competente in Italia per le relative trascrizioni. I certificati pervenuti in Consolato vengono trasmessi in Italia in ordine di arrivo. I tempi per la trattazione della pratiche sono mediamente di 90/120 giorni.

6. Ho contratto, a Belo Horizonte, matrimonio con persona dello stesso sesso in quanto la legge locale lo permette. Posso farlo trascrivere in Italia?
In osservanza della legge n. 76/2016 e del DPCM n. 144/2016, è dovere del cittadino italiano che abbia contratto matrimonio con persona dello stesso sesso all’estero presentare al Consolato di competenza territoriale la documentazione ai fini della trascrizione in Italia. I documenti saranno trascritti, secondo la legge italiana, nel Registro provvisorio delle Unioni Civili di ogni Comune. Nei documenti e negli atti in cui è prevista l’indicazione dello stato civile, su richiesta degli interessati, verrà utilizzata la formula di “unito o unita civilmente” (art.7, comma 2, DPCM 144/2016).

7. Il Consolato può rilasciare una seconda copia del certificato di nascita italiano?
No. I seguenti certificati non vengono rilasciati dal Consolato, ma devono essere richiesti direttamente dall’interessato al proprio Comune:
Certificato di nascita;
Certificato di matrimonio;
Certificato di morte;
Certificato di residenza;
Certificato di iscrizione AIRE.


37