Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Elezione di Cittadinanza

 

Elezione di Cittadinanza

ELEZIONE DI CITTADINANZA

Contatto: cidadania.belohorizonte@esteri.it 

 

È cittadino italiano il minorenne che viene riconosciuto come figlio da un cittadino italiano o che è dichiarato figlio di un cittadino italiano da parte di un giudice con sentenza (art. 2, comma 1 legge n. 91/92).

Nel caso in cui il riconoscimento o la dichiarazione giudiziale riguardi un maggiorenne, questi acquista la cittadinanza italiana soltanto se, entro un anno dal provvedimento (riconoscimento o dichiarazione giudiziale), esprime la propria volontà in tal senso attraverso una “elezione di cittadinanza” (art. 2, comma 2 legge n. 91/92).

Pertanto, il figlio nato da genitori non sposati o nato prima dal matrimonio dei genitori, riconosciuto durante la maggiore età dal genitore che trasmette la cittadinanza, avrà un termine legale improrogabile di un (1) anno a decorrere dalla data del riconoscimento per recarsi in Consolato a sottoscrivere una “elezione” di cittadinanza italiana, ai sensi della Legge n.91 del 05/02/1992. Decorso un anno senza “elezione”, egli non avrà diritto alla cittadinanza italiana.

Si consiglia, pertanto, ad un maggiorenne che deve essere riconosciuto da un genitore italiano di farlo solamente dopo l’analisi della documentazione da parte di questo Consolato, al fine di evitare la scadenza dei termini previsti dalla legge.

Oltre al pagamento del contributo amministrativo in BRL pari a euro 300,00 da effettuarsi in Consolato al momento dell’appuntamento, ricordiamo che al momento dell’elezione, l’interessato dovrà presentare anche la ricevuta di pagamento di ulteriori 250,00 euro al Ministero dell’Interno, relativo a quest’ultimo procedimento.

La dichiarazione di elezione della cittadinanza di cui all’art. 2, comma 2 della legge deve essere corredata dei seguenti atti:

- atto di nascita, debitamente tradotto ed apostillato;

- atto di riconoscimento o copia autenticata del processo giudiziale con cui viene dichiarata la paternità o la maternità, debitamente tradotto ed apostillato;

- certificato di cittadinanza italiana del genitore;

- ricevuta di pagamento di euro 250,00 al Ministero dell’Interno.

Detti ultimi atti costituiscono il presupposto per richiedere l’esame della pratica.

È da osservare, infine, che in caso di dichiarazione giudiziale di riconoscimento effettuata all’estero, il computo del periodo di un anno per rendere la dichiarazione di elezione della cittadinanza deve effettuarsi dalla data in cui viene reso efficace in Italia il provvedimento straniero.

Ulteriori istruzioni saranno fornite dal Consolato all’interessato prima della sottoscrizione della dichiarazione di elezione della cittadinanza italiana.

 


Luogo:

Belo Horizonte

1347