Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Rimpatri

 

Rimpatri

Il Consolato si occupa della richiesta di autorizzazione alle autorità italiane per l’ingresso in Italia delle salme e delle ceneri.

A tal fine, il Consolato invia una richiesta al competente Comune italiano per ottenere il “nulla osta” all'introduzione della salma/ceneri, dopo aver ricevuto il modulo di richiesta. Avuto il "nulla osta", l'agenzia di pompe funebri incaricata dai familiari per il rimpatrio della salma, a spese di questi ultimi, può procedere.

Si fa presente che i familiari possono rivolgersi alle Regioni ed agli Enti Locali per eventuali rimborsi o contributi.

 

RIMPATRIO CENERI

Documenti da presentare:

1) compilazione del formulario con tutti i dati in esso richiesti;

2) 2 atti di morte, in originale, apostillati e con traduzione apostillata in italiano;

3) certificato di cremazione, apostillato e con traduzione apostillata in italiano;

4) passaporto italiano del defunto o in caso di cittadini stranieri la copia della “RNE”;

5) certificato d’imballaggio (rilasciato dalla “agenzia funebre” che prepara la cassettina di legno,dove saranno contenute le ceneri, munita di quattro viti) apostillato e con traduzione apostillata in italiano;

6) nel caso i familiari del defunto incarichino una “agenzia funebre” per i tramiti, quest’ultima dovrà essere da loro debitamente autorizzata.

7) ultimati i tramiti, occorre concordare un appuntamento per l’apposizione dei relativi sigilli da parte di questo ufficio, consegnare tutta la documentazione per il rilascio del passaporto mortuario e del verbale di chiusura con il pagamento dei diritti di cui agli artt. 66h e 67 della tariffa consolare..

 

RIMPATRIO SALMA

Documenti da presentare:

1) compilazione del formulario con tutti i dati in esso richiesti;

2) 2 atti di morte, in originale, apostillati e con traduzione apostillata in italiano;

3) certificato sanitario (epidemiologico) che certifichi che la morte del deceduto non è stata causata da malattia infettivo-contagiosa, apostillato e con traduzione apostillata in italiano;

4) certificato d’imbalsamazione (rilasciato dalla “agenzia funebre” che prepara la cassa), apostillato e con traduzione apostillata in italiano;

5) certificato d’imballaggio (rilasciato dalla “agenzia funebre” che prepara la cassa), e senza legalizzazione.

6) Permesso sanitario di trasporto, rilasciato dalla Segreteria da Saude, apostillato e con traduzione apostillata in italiano;

7) nel caso i familiari del defunto incarichino una “agenzia funebre” per i tramiti, quest’ultima dovrá essere da loro debitamente autorizzata;

8) ultimati i tramiti, occorre concordare un appuntamento per l’apposizione dei relativi sigilli da parte di questo ufficio, consegnare tutta la documentazione per il rilascio del passaporto mortuario e del verbale di chiusura con il pagamento dei diritti di cui agli artt. 66h e 67 della tariffa consolare.

 

PER IL FORMULARIO - CLICCA QUI.

 

Rimpatrio di salme - Informazioni dal sito del Ministero degli Affari Esteri

 

 


21